16 PROSPETTIVA RAZIONALE O A QUADRO OBLIQUO

16 PROSPETTIVA RAZIONALE O A QUADRO OBLIQUO

La prospettiva razionale, definita anche a quadro obliquo per via della posizione del quadro prospettico rispetto all'osservatore, è il particolare tipo di prospettiva che consente la rappresentazione di oggetti visti dal basso (sottinsù) o dall'alto (veduta aerea).
Quando l'oggetto, per via della sua altezza, rientra solo parzialmente nel cono visivo di un osservatore posto di fronte o di spigolo rispetto ad esso, occorre nella pratica del disegno, inclinare il quadro prospettico di un angolo variabile che ne consenta la completa visione ed individuare un terzo punto di fuga F''' al quale concorreranno tutte le altezze che, diversamente da ciò che è prassi per le altre due prospettive (centrale e accidentale) non si manterranno verticali.
F''' si troverà più in alto rispetto al solido nel caso della vista dal basso verso l'alto e viceversa sarà in posizione inferiore rispetto al solido nel caso in cui il PV sia posto più in alto rispetto all'oggetto.



75 - Prospettiva dal basso. Progetto per la poppa della nave da guerra “Glory” Plymouth, 1788. Da: L’arte nella Marineria.
Vista dal basso di un parallelepipedo

Disegnare la figura preparatoria ponendo il solido di profilo e lo stesso si faccia per il quadro prospettico, inclinato al piano geometrale. Fissato il PV sul piano orizzontale e tracciate le fughe F' ed F'', si riporti PV sulla L.O. del piano verticale prolungandone la proiezione sino ad incontrare il quadro, definendo il terzo punto di fuga F'''. Si cerchi poi il P che segna l' asse del cono ottico (angolazione di circa 60°) che dovrà contenere l'altezza totale del solido. Sul profilo del piano inclinato si potranno così leggere le altezze prospettiche di F''' ed anche del parallelepipedo in questione, poiché queste ultime comprese fra i raggi visuali tangenti il solido stesso (fig. 76).


76


77 - Prospettiva dall’alto: loggia a più piani. Da: Perspective, Vredeman de Vries.
Vista dall'alto di un parallelepipedo

Anche in questo caso si fissano sulla figura preparatoria le dimensioni dell'oggetto, le distanze fra rette e la posizione dei punti significativi. Il ragionamento che conduce alla soluzione del problema è quello applicato nell'esercizio precedente.



78

Disegno Facile B
Disegno Facile B