I COMANDI DI MODIFICA

10 I COMANDI DI MODIFICA

Sono i comandi fondamentali ovvero quelli che ci consentono di muovere copiare ruotare e gestire i nostri disegni permettendoci di velocizzare le operazioni e di automatizzare alcuni procedimenti. Possiamo attivarli agendo:
1.    sul menu EDITA (figura 66a)
2.    sulla finestra dei comandi
3.    sulla Barra degli strumenti EDITA
4.    scegliendo i comandi che usiamo maggiormente dalla nostra barra degli strumenti personalizzata.

Di seguito vedremo i comandi: CANCELLA, COPIA, SPOSTA, RUOTA, SCALA, OFFSET, SPECCHIO, TAGLIA, ESTENDI, RACCORDA, DIVIDI, PROPRIETÀ, CORRISPONDENZA CON PROPRIETÀ, SPEZZA, ALLINEA ed ESPLODI. (figura 66b)
Imparando ad utilizzare questi comandi, saremo in grado di modificare con estrema velocità i nostri disegni.
Anche in questo caso, durante l'esecuzione dei comandi è di fondamentale importanza seguire attentamente quanto richiesto nella finestra dei comandi.



66a


66b


67

Cancella

Con il comando CANCELLA si eliminano tutti gli oggetti selezionati.
Il comando si avvia selezionando CANCELLA nel menu EDITA oppure cliccando sull'icona corrispondente nella barra degli strumenti MODIFICA. Lo stesso effetto si ottiene però molto più rapidamente premendo il tasto CANC sulla tastiera.



68
Il comando ANNULLA, presente nel menu MODIFICA, permette di annullare gli effetti di qualsiasi comando precedente.
Lo stesso risultato si ottiene però molto più rapidamente premendo i tasti CONTROL+Z sulla tastiera.
Effetto opposto ha il comando RIFARE, sempre presente nel menu MODIFICA.
Lo stesso risultato si ottiene però molto più rapidamente premendo i tasti CONTROL+Y sulla tastiera.

Copia

Utilizzando questo comando è possibile duplicare un oggetto disegnato all'interno dello stesso lavoro.
La finestra di dialogo che si attiva con il comando COPIA chiede come prima cosa di selezionare gli oggetti da copiare e successivamente di indicare il punto base dello spostamento 1 e il secondo punto dello spostamento 2.



69a
Questi due punti che possono essere anche immessi mediante coordinate sono di fondamentale importanza per la riuscita dell'operazione.
Il punto base dello spostamento è il punto di appoggio, quello che determina la posizione con cui l'oggetto selezionato sarà incollato mentre il secondo punto dello spostamento determina la posizione in cui sarà incollato.
Prima della definizione del secondo punto appare già un disegno di anteprima che segue il puntatore. È possibile creare copie infinite dell'oggetto finché non si preme INVIO.



69b
Per duplicare gli alberi del disegno proposto basterà:
1.    prendere il comando COPIA
2.    selezionare gli oggetti da copiare e, a selezione ultimata, premere INVIO o il tasto destro del mouse se opportunamente settato (vedi paragrafo "Impostare le opzioni preferite").
3.    specificare il punto base
4.    spostarsi sul secondo punto dello spostamento e con un clic del tasto sinistro del mouse copiare l'oggetto nel punto desiderato
5.    proseguire con altre copie in altri punti scelti oppure terminare l'operazione premendo INVIO o il tasto destro se opportunamente settato.



70
Quando in Autocad sono aperti diversi file in contemporanea, esiste la possibilità di copiare un oggetto da un file all'altro. Il tutto funziona esattamente come il Copia/Incolla tipico dell'ambiente Windows.
Se sono aperti contemporaneamente più file essi appaiono nel menu FINESTRA.
Si seleziona l'oggetto nel primo file utilizzando il comando COPIA o COPIA CON PUNTO BASE presente nel menu MODIFICA oppure digitando i tasti CONTROL+C sulla tastiera.
Si passa quindi all'altro file mediante il menu FINESTRA, e si usa il comando INCOLLA presente nel menu MODIFICA oppure digitando i tasti CONTROL+V sulla tastiera.
Come ultimo passaggio viene richiesto il punto di inserimento della copia.

Dopo aver disegnato la decorazione raffigurata moltiplicala fino ad ottenere la figura di seguito riportata utilizzando esclusivamente il comando COPIA.


71

Sposta

Gli oggetti disegnati possono essere portati in una posizione diversa con il comando SPOSTA. Esso si usa in modo molto simile al comando COPIA; una volta selezionato l'oggetto da spostare viene infatti richiesto il punto base dello spostamento 1 e il secondo punto per la nuova posizione dell'oggetto 2.



72
Per spostare gli alberi del disegno proposto basterà:
1.    prendere il comando SPOSTA
2.    selezionare gli oggetti da spostare e, a selezione ultimata, premere INVIO o il tasto destro del mouse se opportunamente settato
3.    specificare il punto base
4.    spostarsi sul secondo punto dello spostamento e con un clic del tasto sinistro del mouse spostare l'oggetto nel punto desiderato



73
Quando in Autocad sono aperti diversi file in contemporanea, esiste la possibilità di spostare un oggetto da un file all'altro. Come per COPIA, il tutto funziona esattamente come il taglia/Incolla tipico dell'ambiente Windows.
Se sono aperti contemporaneamente più file essi appaiono nel menu FINESTRA.
Si seleziona l'oggetto nel primo file utilizzando il comando TAGLIA presente nel menu MODIFICA oppure digitando i tasti CONTROL+X sulla tastiera.
Si passa quindi all'altro file mediante il menu FINESTRA, e si usa il comando INCOLLA presente nel menu MODIFICA oppure digitando i tasti CONTROL+V sulla tastiera.
Come ultimo passaggio viene richiesto il punto di inserimento dell'elemento spostato.

Ruota

Con questo comando è possibile ruotare gli oggetti disegnati secondo angoli a piacere.
Il procedimento è simile a quello del comando COPIA o SPOSTA.
La finestra di dialogo chiede infatti prima la selezione degli oggetti da ruotare, il punto base della rotazione 1 e successivamente l'indicazione dell'angolo di rotazione 2 o in alternativa un riferimento per determinare tale dato.



74
È possibile digitare il valore dell'angolo oppure, digitando la lettera R, attivare l'opzione RIFERIMENTO.
Scegliendo tale opzione viene immediatamente chiesto di digitare un angolo di riferimento (da bloccare indicando due punti) e quindi il nuovo angolo, per determinare il quale è possibile indicare un terzo punto oppure immettere il valore di questo angolo.

Per ruotare per esempio una forma come quella raffigurata (figura 75) basterà:
1.    prendere il comando RUOTA
2.    selezionare gli oggetti da copiare e, a selezione ultimata, premere INVIO o il tasto destro del mouse se opportunamente settato
3.    specificare il punto base
4.    digitare R per adottare l'opzione Riferimento e INVIO
5.    alla richiesta dell'angolo di riferimento indicare il primo punto e il secondo punto individuando AB segmento di partenza della rotazione
6.    alla richiesta del nuovo angolo digitare 60 (nell'esempio l'angolo che AB forma con l'asse delle x) e terminare l'operazione premendo INVIO o il tasto destro se opportunamente settato.

Nel modello di Autocad che proponiamo gli angoli hanno valori positivi nel verso orario e sono generalmente riferiti ad uno zero orientato con l'asse delle y. È possibile cambiare le impostazioni di riferimento scegliendo UNITÀ nel menu MODIFICA.



75

Scala

Questo comando modifica le dimensioni degli oggetti selezionati in modo proporzionale.
Come prima cosa vanno come sempre selezionati gli oggetti da scalare e successivamente occorre dare l'indicazione del punto base 1.
Tale punto, che corrisponde al centro di scalatura, alla fine della modifica resterà al suo posto originale. La finestra di dialogo chiede poi di specificare il fattore di scala oppure la copia o il riferimento. Digitando un valore maggiore di 1 si ottiene un ingrandimento, digitando un valore minore di 1 si ottiene una riduzione. Per raddoppiare un oggetto dovremo quindi digitare 2, per dimezzarlo 0,5.



76
Con il comando SCALA e l'opzione COPIA si mette in scala una copia dell'oggetto selezionato.
Con il comando SCALA e l'opzione Riferimento R si può scalare l'oggetto portandolo ad una dimensione data. Dopo aver digitato R e aver dato INVIO, il dialogo chiede infatti di specificare una lunghezza di riferimento.
Per scalare per esempio una forma riferendosi al segmento dato (blu) si procederà nel seguente modo:
1.    prendere il comando SCALA
2.    selezionare gli oggetti da scalare e, a selezione ultimata, premere INVIO o il tasto destro del mouse se opportunamente settato
3.    specificare il punto base (per esempio l'estremo A) e premere INVIO
4.    digitare R per adottare l'opzione Riferimento e INVIO
5.    alla richiesta della lunghezza di riferimento cliccare sugli estremi del segmento iniziale (nell'immagine A e B)
6.    alla richiesta della nuova lunghezza scegliere il punto del segmento finale (nell'esempio C) e terminare l'operazione premendo INVIO o il tasto destro se opportunamente settato.



77
Partendo dalla prima figura proposta correggi gli errori tenendo presente che tutti gli elementi in rosso vanno raddoppiati.
Poni la massima attenzione nella scelta del punto base.


78a - Duomo di Modena.


78b - Duomo di Modena. Rielaborazione grafica.

Offset

È un comando fondamentale per il modo di disegnare in autocad.
Con questo comando si possono creare duplicati equidistanti da un oggetto ad una distanza data.
Attivato il comando, la finestra di dialogo richiede prima di tutto di specificare la distanza di offset.
Successivamente viene chiesto di selezionare l'oggetto di cui eseguire l'offset e poi di specificare un punto sul lato in cui eseguire l'offset ovvero la parte in cui dovrà essere disegnato l'oggetto duplicato.
Finché non si dà INVIO il comando resta attivo e continua a creare duplicati equidistanti.

Per eseguire l'offset della forma data in modo da ottenerne altre due:
1.    prendere il comando OFFSET
2.    digitare la misura che determina la distanza a cui deve essere eseguita la copia e premere INVIO
3.    selezionare l'oggetto di cui eseguire l'offset con il tasto sinistro del mouse (figura 79a)
4.    cliccare sempre con il tasto sinistro nella parte di schermo in cui deve essere eseguita la copia. (figura 79b)
5.    selezionare nuovamente oggetto e parte per effettuare una nuova copia o terminare l'operazione premendo INVIO o il tasto destro se opportunamente settato. (figura 79c)



79
Nel caso in cui si esegua l'offset di una forma chiusa, per esempio un poligono o una circonferenza, l'offset non produrrà una copia uguale dell'oggetto selezionato ma ingrandirà o rimpicciolirà la forma a seconda se la parte scelta sarà all'esterno o all'interno della forma stessa(figura 80).



80

Specchio

Questo comando serve a specchiare gli oggetti selezionati secondo un asse di simmetria da specificare inserendo due punti 1 e 2 dell'asse stesso. Gli oggetti sorgente, ovvero quelli di partenza, possono essere tenuti oppure cancellati.
La finestra di dialogo chiede come sempre di selezionare gli oggetti da copiare e quindi di indicare due punti che formano l'asse di simmetria. Per concludere il comando viene richiesto se cancellare oppure no gli oggetti sorgente. Digitando S = si oppure N = no si elimina o no l'immagine originale.



81
Dopo aver disegnato mezza figura, utilizzando il comando SPECCHIO realizzare la figura intera.



82a - Empire State Building


82b - Empire State Building rielaborazione grafica

Taglia

Questo comando permette di eliminare la parte degli oggetti racchiusa entro altri oggetti che vengono individuati come limiti del taglio.
La finestra di dialogo che si attiva dopo aver preso il comando TAGLIA chiede prima di tutto di selezionare i limiti del taglio. Successivamente viene richiesto di selezionare l'oggetto da tagliare. Verrà eliminata la parte di oggetto vicina al punto selezionato.
Finché non si dà INVIO, il comando è attivo e continua a tagliare oggetti con i limiti di taglio selezionati.
È possibile attivare una scorciatoia che permette di tagliare l'oggetto senza specificare i limiti di taglio. Per attivarla basta prendere il comando TAGLIA e premere INVIO o il tasto destro del mouse immediatamente dopo senza specificare i limiti del taglio. A questo punto selezionando gli oggetti da tagliare elimineremo le parti desiderate fino al primo limite che verrà incontrato. La pratica ci insegnerà quando sarà più conveniente utilizzare la prima modalità piuttosto che la seconda.



83

Estendi

Questo comando funziona esattamente come il TAGLIA ma al contrario ci permette di prolungare uno o più oggetti fino ad entità che fungono da limiti dell'estensione.
La finestra di dialogo chiede in questo caso di selezionare i limiti di estensione e successivamente viene richiesto di selezionare l'oggetto da estendere.
Finché non si dà INVIO, il comando è attivo e continua ad estendere oggetti fino ai limiti selezionati.



84
Anche per ESTENDI è possibile attivare una scorciatoia che permette di estendere l'oggetto senza specificarne i limiti.
Per attivarla basta prendere il comando ESTENDI e premere INVIO o il tasto destro del mouse immediatamente dopo senza specificare il limite dell'estensione. A questo punto selezionando gli oggetti, essi proseguiranno dalla parte più vicina all'estremità su cui abbiamo cliccato fino al primo limite che verrà incontrato.
Anche qui la pratica ci insegnerà quando utilizzare la prima modalità piuttosto che la seconda.

Raccorda

È un comando che permette di raccordare due linee con archi tangenti. Se come raggio di raccordo si lascia come di default il valore '0' il comando è molto utile per formare un angolo tra le due linee (figura 85a).
La finestra di dialogo ci permette di visualizzare fin da subito le opzioni correnti del comando. Scegliendo l'opzione Raggio digitando RA è possibile impostare il raggio diverso da 0 con il quale verranno raccordate le due linee (figura 85b)
Per eseguire il comando occorre selezionare il primo oggetto e poi il secondo.
Il comando RACCORDO agisce anche su rette parallele ma in questo caso viene ovviamente ignorato il valore predefinito del raggio.



85
Utilizzando il comando RACCORDA completa l'architettura proposta.



86a - a. Zaha Hadid Rosenthal Museum


86b - Zaha Hadid Rosenthal Museum rielaborazione grafica

Dividi

Questo comando permette di suddividere in parti uguali oggetti disegnati quali linee, poligoni, circonferenze ecc.
La finestra di dialogo richiede la selezione dell'oggetto da dividere e successivamente il numero di parti divisorie.
Il comando DIVIDI non spezza l'oggetto, ma inserisce solo dei punti che fungono da elemento divisore



87

Proprietà

Gli oggetti disegnati in Autocad possiedono proprietà che ne determinano le dimensioni, la forma, il tipo di layer su cui si trovano, il colore, il tipo e lo spessore della linea con cui sono realizzati, ecc. Per modificare le singole proprietà si può agire in molti modi ma esiste lo strumento PROPRIETA' che può agire in contemporanea su più caratteristiche risultando agile e versatile.
Quando si fa un doppio clic su un oggetto oppure lo si seleziona e si prende il comando PROPRIETA' si apre la finestra delle Proprietà.
Agendo sulle singole sezioni della finestra è possibile personalizzare tutte le caratteristiche di quel determinato oggetto.



88

Corrispondenza con proprietà

Questo comando serve per copiare le proprietà di un oggetto ed applicarle ad un altro.
Per portare le caratteristiche del primo sul secondo viene richiesto di selezionare l'oggetto sorgente e quindi l'oggetto di destinazione.



89

Spezza

Questo comando permette di cancellare la parte di un'entità compresa tra due punti indicati. Se si indicano due punti coincidenti, l'elemento viene spezzato in due parti separate.
La finestra di dialogo per prima cosa richiede di selezionare l'oggetto. I punti in cui si clicca successivamente saranno il primo e il secondo estremo della parte eliminata.
È possibile scegliere anche il comando SPEZZA IN UN PUNTO. In questo caso l'oggetto selezionato verrà diviso in due parti separate.



90

Esplodi

Con questo comando si possono dividere i diversi elementi che costituiscono un'entità complessa composta come per esempio un poligono.
Il comando agisce anche su polilinee, tratteggi, gruppi e blocchi.
La figura che prima costituiva un'unica entità formata da una polilinea risulta successivamente divisa in più entità separate.


91

Allinea



92
Questo comando, complesso ma molto utile, serve a spostare, ruotare e scalare contemporaneamente due oggetti rispetto ad una, due o tre coppie di punti di origine allineandoli ai punti su un altro oggetto (fig. 93).



93
La finestra di dialogo che si apre attivando il comando chiede prima di tutto di selezionare gli oggetti da allineare e successivamente di specificare i punti di origine 1-1' e di destinazione dell'allineamento 2-2'. Le opzioni successive permettono anche di scalare le dimensioni del primo oggetto rispetto al secondo oppure di allinearlo al secondo mantenendo però le dimensioni originarie.

Per rialzare l'albero, portarlo alla fine del segmento e ingrandire il tronco si dovrà procedere nel modo seguente.
1.    prendere il comando ALLINEA
2.    selezionare l'oggetto da allineare e premere INVIO o il tasto destro del mouse se opportunamente settato
3.    scegliere cliccando con il tasto sinistro del mouse il primo punto di origine (A) e poi il primo punto di destinazione (B)
4.    scegliere cliccando con il tasto sinistro del mouse il secondo punto di origine (C) e poi il secondo punto di destinazione (D)
5.    scegliere cliccando con il tasto sinistro del mouse il terzo punto di origine e poi il terzo punto di destinazione oppure premere INVIO nel caso si stia lavorando in 2D o serva allineare solo due punti
6.    scegliere se scalare oppure no le dimensioni dell'oggetto originario per adattarlo alle selezioni effettuate digitando S per si oppure N per no e premere INVIO o il tasto destro del mouse se opportunamente settato per concludere l'operazione.
La messa in scala è disponibile solo quando si allineano oggetti utilizzando due coppie di punti.



94

Disegno Facile B
Disegno Facile B