TEORIA DELLE OMBRE APPLICATA ALLE PROIEZIONI PROSPETTICHE

5 TEORIA DELLE OMBRE APPLICATA ALLE PROIEZIONI PROSPETTICHE

Sorgente luminosa naturale
Le ombre prospettiche si ricercano applicando le regole adottate per la ricerca delle ombre in proiezione ortogonale e in proiezione assonometrica.
La sorgente luminosa può essere naturale o artificiale, la prima è quella più usata anche per le proiezioni prospettiche.
La prospettiva è proiezione centrale quindi le ombre vengono costruite attraverso l'ausilio di proiettanti uscenti da due centri proiettivi, S e S'.

S è il punto di intersezione determinato dal raggio luminoso passante per il punto di vista P.V. con il quadro prospettico. Esso rappresenta il punto di fuga dei raggi inclinati al piano geometrale. Più si allontana S dalla L.O. e più le ombre portate si accorciano.

S' è la proiezione di S sulla L.O., quindi S ed S' si trovano sulla stessa verticale. Tale punto è la fuga dei raggi di direzione appartenenti al piano geometrale.



79 - Sorgente luminosa posta frontalmente, effetto di controluce.

Le posizioni della sorgente luminosa

Sorgente luminosa collocata di fronte all’osservatore
Il raggio r interseca il quadro prospettico nel punto S posto sopra la L.O. La figura è in controluce (figura 79).
L’ombra portata cade verso l’osservatore e si sviluppa in modo ampio. Molte parti della figura in vista risultano in ombra propria (figura 80).



80
Sorgente luminosa collocata di fianco all'osservatore
Il raggio r è parallelo al quadro prospettico ed inclinato al piano geometrale, quindi S ed S' non sono determinabili.
L'inclinazione del raggio luminoso normalmente si stabilisce a 45°, ma può variare a piacere a seconda dell'effetto che si vuole ottenere; se voglio ombre portate allungate devo diminuire l'inclinazione di r rispetto al piano geometrale. Per rendere più semplice l'esecuzione si considera r' orizzontale. L'ombra portata cade lateralmente alla figura



81
Sorgente luminosa collocata di spalle all'osservatore
Il raggio r interseca il quadro prospettico nel P.V.- del IV diedro, S è posizionato sotto la L.O.
La figura è illuminata frontalmente, quindi l'ombra portata si allontana dall'osservatore. L'ombra propria si sviluppa soprattutto nella parte posteriore della figura.



82

Disegno Facile B
Disegno Facile B