OMBRE DI SOLIDI AFFIANCATI

Ombre di solidi affiancati

Per risolvere le ombre assonometriche di un solido sulla superficie di un altro solido si rimanda alle informazioni suggerite per le analoghe situazioni in proiezione ortogonale.
In particolare la figura 68 illustra i casi più significativi dell'ombra portata di un segmento su un parallelepipedo diversamente dislocato nello spazio assonometrico.
Ombre di solidi affiancati Ombra portata di un segmento su un parallelepipedo
a - Si cerca l'ombra portata del segmento senza considerare il parallelepipedo, viene così individuato (A°), ombra virtuale dell'estremo A. La direzione r' viene tagliata in 1 dalla faccia verticale C,D,E, F, da quel punto si alza una verticale che taglia in A° l'inclinazione r del raggio luminoso.



b - La soluzione grafica di questo esercizio richiama quella precedente. La verticale passante da 1 viene tagliata in 2 dalla faccia orizzontale C,D,H,G; da quel punto si traccia la parallela alla direzione r' che taglia in A° la inclinazione r del raggio luminoso.



c - In questo caso l'ombra dell'estremo A cade sul P.O.; laparte di ombra portata del segmento sul parallelepipedo si costruisce applicando il precedente metodo proiettivo.



d - Il parallelepipedo è staccato dal PO. di cm 1.
Teoria delle ombre
Si cerca l'ombra portata del segmento sul P.O.
Per costruire il tratto di ombra portata sul parallelepipedo si considera la faccia C, D, E, F appartenente al piano verticale a.
La t'a taglia r' in 1', da questo punto si alza una verticale che taglia FE in 1 e r in A°.
Il tratto 1-A° è l'ombra cercata.



e - Il parallelepipedo è inclinato al PO.; un tratto dell'ombra portata del segmento cade sulla superficie inclinata del solido.
Si cerca l'ombra portata del segmento sul P.O.
Si proietta 1', incontro fra r' e C'D', in 1 su CD.
Si considera un piano ausiliario a perpendicolare al PO., con la t' coincidente con r' e si cerca la sezione (colore rosso) che tale piano determina. r taglia la sezione in A°.
Il tratto A°-1 è l'ombra portata del segmento sulla faccia C, D, F, E.





69 - Karnak, Tempio di Amon, Grande Sala delle Feste di Tuthmosis III. La struttura evidenzia bene le ombre proprie e quelle portate prodotte da corpi affiancati, sovrapposti r sporgenti.
Ombre proprie e portate di una piramide affiancata a due parallelepipedi sovrapposti
L'esercizio presenta il caso complesso in cui un solido è affiancato e un altro è sovrapposto.
Per determinare le ombre portate di questi due solidi è sufficiente considerare la faccia ABCD appartenente ad un piano ausiliario verticale e la faccia ABFE appartenente ad un piano ausiliario orizzontale e cercare le ombre su tali piani applicando le regole proiettive già note.



70
Ombre proprie e ombre portate di un parallelepipedo affiancato ad un prisma esagonale
La parte più complessa è data dall'ombra portata del parallelepipedo sul prisma.
Per risolverla si procede seguendo i passaggi indicati.
-    Si considera lo spigolo AB del prisma appartenente ad un piano ausiliario verticale a (colore verde) che presenti la t' coincidente con la proiezione A'B'.
-    Si cerca l'ombra portata (colore verde) del prisma su a; questa, tagliata da AB, determina i punti d'ombra 1 e 2.
-    Si considera lo spigolo CD del prisma appartenente ad un piano ausiliario verticale P (colore rosso) che abbia la t' coincidente con la proiezione C'D'.
-    Si cerca l'ombra portata (colore rosso) del prisma su P; questa, tagliata da CD determina i punti d'ombra 4 e 3.
-    Si considera lo spigolo EH appartenente ad un piano ausiliario verticale x (colore giallo) con la t' parallela a r'.
Si cerca la sezione (colore giallo) determinata da tale piano sul prisma; questa verrà tagliata in E° da r passante dal vertice E.
-    Si considera la faccia CDLI appartenente ad un piano ausiliario orizzontale per cercare G° e F°.

I punti ombra trovati, debitamente collegati, definiscono l'ombra cercata


71


72 - Ombre portate su scalini.

Disegno Facile B
Disegno Facile B