Modulo F - Sezioni di solidi

Sezioni di solidi

INTRODUZIONE

La sezione di un solido geometrico o di un oggetto è determinata da un piano che lo attraversa definito piano secante ed è atta a facilitare la conoscenza della forma studiata poiché rivela la sua composizione interna. È spesso usata nel disegno meccanico e architettonico dove vengono utilizzati piani di sezione di norma paralleli a uno dei piani di proiezione fondamentali, generando una sezione retta, tuttavia il piano secante può anche essere inclinato, generando una sezione obliqua.
In presenza di una sezione retta, le reali dimensioni della stessa compaiono sul piano ad essa parallelo mentre in presenza di una sezione obliqua, per ottenere la vera dimensione della sezione occorre operare il ribaltamento del piano secante.

La parte sezionata viene normalmente evidenziata mediante un tratteggio generico che consiste in una serie di linee continue fini parallele fra di loro e inclinate di 45° rispetto all’asse della figura o ai suoi contorni.
Sempre per convenzione, i piani secanti vengono indicati con lettere minuscole dell’alfabeto greco e la loro posizione nello spazio è definita dalle tracce degli stessi piani sul triedro fondamentale. Le tracce del piano di sezione si segnalano invece mediante una linea mista fine e grossa alle estremità che nel disegno architettonico è coadiuvata da due frecce e da una coppia di lettere uguali in stampatello maiuscolo indicanti il senso di lettura dell’immagine e, di conseguenza, la parte che viene ipoteticamente tolta è quella che consente di leggere l’ interno.
In generale, per cercare la sezione di un solido, occorre prima disegnarlo per intero quindi procedere allo studio di sezione.



1 - L’angolo di 45° è riferito sia ai contorni che all’asse della figura.


2 - L’angolo di 45° è riferito agli assi della figura.


3 - Esempio in cui il tratteggio è variamente inclinato per evitare il parallelismo con i lati delle figure.


5 - Dado esagonale in proiezione ortogonale:
A. Vista sul P.O.
B. Vista sul PV
C. Sezione trasversale.


6 - Battistero di Biella, X- XI secolo.


7 - Spaccato assonometrico. A. Rosazza e A. Baronio, “il Battistero di Biella”, 1936


8 - Sezione.

Disegno Facile A
Disegno Facile A